black-mask

Black Mask fai da te!

 Black Mask fai da te|Semplice e veloce

Bentornati in Staypsitive! Oggi parleremo di una semplice ricetta per realizzare la Black Mask, di cui tanto si parla da mesi, comodamente a casa vostra!
Buona lettura e, come sempre, fatemi sapere le vostre impressioni!


Cos’è la Black Mask?

E’ ormai più di un anno che si parla delle black mask, ma quanto ne sappiamo?
Originariamente realizzata in Corea, ha presto preso piede in tutto il mondo, tanto che non esiste una marca specifica considerata “migliore”, sono molte le aziende che la producono promettendo miracoli contro acne e punti neri in totale sicurezza, ma sarà davvero così?

La Black Mask è per definizione una maschera nera per viso ed ha la singolarità di essere peel off, ovvero che, una volta asciutta, non va risciacquata ma strappata, perchè diventa come una resistente pellicola di gomma.
Mentre asciuga dovrebbe agire sulla pelle il principio attivo, ovvero il carbone vegetale, e l’azione peeloff consente letteralmente di estirpare tutte le impurità della pelle, in teoria (?).


Ma la Black Mask è pericolosa?

Premetto fin da ora che ne ho provata un solo tipo di quelle in commercio, e non sto qui a dirvi le assurdità degli ingredienti, tengo solo a precisare che quella maschera non era nera, sembrava un barattolino di colla trasparente con piccoli pigmenti neri che si depositavano sul fondo, quello era il colorante ed in rete, scrivendo il codice, lessi che era utilizzato nelle stampe industriali, sarà normale? Inoltre puzzava di colla, un odore davvero sgradevole e pungente. Ma potevo lasciarla lì? Dovevo provarla, ed avete presente la sensazione dell’acetone sui graffi? Quel pizzicore insopportabile che vi fa arrossare tutta la zona, ecco cosa sentivo con quella maschera in viso (la provai solo su naso e zigomi fortunatamente), ed il rossore scomparve dopo ore.

Questo è soltanto uno degli infiniti casi disastrosi (ma c’è di peggio) procurato da queste maschere, per cui prima di acquistarle o consumarle prestate attenzione agli ingredienti, ed in linea generale diffidate se non notate principi attivi di origine vegetale.

Val in oltre precisato che è una maschera abbastanza aggressiva, in molti casi è un po’ come fare una ceretta al viso, solo che va tolta molto lentamente, quindi potrebbe risultare doloroso e ed arrossare o seccare le pelli più sensibili.

Per evitare questi problemi è da tempo che realizzo la black mask direttamente in cucina, con solo tre ingredienti, facendola in base alle mie esigente ed ottenendo comunque dei risultati considerevoli, per cui ora bando alle ciancie e passiamo alla ricetta!


Come realizzare la Black Mask

Innanzitutto abbiamo bisogno di:

  • un bollilatte;

  • 4 fogli di gelatina di pesce ( 8 gr);

  • 5 compresse di carbone vegetale;

  • latte, dai 3 ai 4 cucchiai, dipende dalla vostra pelle, io utilizzo 3 cucchiai, ma ho notato, ad esempio, che per la pelle di mia madre risulta troppo forte, quindi, per lei, ne uso 4.

Procedimento:

Iniziate a frantumare le compresse di carbone per farne una polvere sottile, sarebbe adatto un mortaio, ma per chi non lo possiede basterà un foglio di carta forno o un semplice strappo di rotolone scottex da cucina, chiudere le compresse in modo che non possiate perdere polvere, e schiacciarle con un cucchiaio.
Mettete nel bollilatte il latte con i fogli di gelatina spezzettati, aspettate una decina di minuti, così i fogli si ammorbidiscono, e scaldate a fiamma minima, ma girate spesso ed evitate di far bollire il latte.
Una volta sciolta la gelatina aggiungete la polvere di carbone vegetale, spegnete il fuoco, e mescolate fino a quando non si sarà amalgamato tutto. Infine lasciate raffreddare un po’ per evitare ustioni e stendetela sul viso pulito ancora calda, altrimenti si indurisce.

Preparate il viso togliendo ogni residuo di crema e make-up, e, mentre la maschera raffredda, tenete un asciugamano bagnato d’acqua calda sul viso per un paio di minuti, per far aprire i pori, alla fine asciugate e stendete un velo, non troppo spesso ma completamente nero, sulle zone da trattare, evitando contorno occhi, contorno labbra, e prestando molta attenzione a non finire in sopracciglia, barba, basette e qualsiasi altra zona coperta di peli/peluria, altrimenti strapperete via tutto e farà malissimo.

Se non fate uno strato troppo spesso si asciugherà in 15-20 minuti, ve ne renderete conto perchè sembrerà plastica, sarà lucida e non lascerà residui. A quel punto potrete procedere con la rimozione, lentamente, molti consigliano dal basso verso l’alto. Noterete sicuramente dei puntini bianchi sulla vostra maschera, ma potrebbe essere semplicemente peluria; i punti neri o grassi saranno più doppi e di colore un po’ diverso, basterà guardare con attenzione controluce per vederli.

Alla fine sciacquate il viso con acqua tiepida per togliere i residui, poi con acqua fredda per chiudere i pori (non usate sapone); per asciugare il viso tamponate con un asciugamano morbido ed applicate una crema idratante. Semplice, no??? 


Vi lascio di seguito delle foto, magari faranno un po’ schifo, ma è per farvi vedere che funziona davvero. Come sempre fatemi sapere le vostre impressioni e se avete richieste particolari riguardo qualche argomento potete scriverci all’indirizzo non.soltantolibri@gmail.com oppure staypsitive@gmail.com (pur non essendo esperte possiamo aiutarci a vicenda).

Vi invito infine ad iscrivervi al nostro blog o seguirci su Instagram per restare sempre aggiornati.
Buon proseguimento, alla prossima!

Grazie per l’attenzione, iscrivetevi al blog per restare sempre aggiornati, alla prossima 😀

-E

Potrebbe interessarti anche:

Black Mask fai da te! ultima modifica: 2018-03-12T18:51:30+00:00 da Staypsitive

Rispondi