capelli rovinati

Capelli rovinati? | Rimedi naturali


Capelli secchi, spenti e sfibrati?
Incidente con un trattamento?

Bentornati in Staypsitive! Oggi voglio parlarvi di come ho rovinato i miei capelli, che conoscete se avete letto l’articolo “Tingere i capelli e ravvivare i riflessi col caffè” in cui sono presenti le mie foto, e, cosa più importante, vorrei spiegarvi come rimediare se mai dovesse capitarvi di ritrovarvi coi capelli rovinati per una scelta sbagliata.

Buona lettura a tutti e, come sempre, fatemi sapere le vostre impressioni.


Estate in arrivo! Capelli in disordine? Come rimediare ai capelli secchi e sfibrati?

Con l’estate alle porte c’è chi si trova a dover fare i conti con le decisioni prese durante l’inverno, e nel caso siano state sbagliate bisogna assolutamente rimediare; è ciò che è successo a me. In gennaio decisi che “sarebbe stato carino” tingermi i capelli di nero, e fu così all’inizio, ma un mese dopo già me ne stancai e non coprii la ricrescita, piuttosto tentai in tutti i modi di schiarire i capelli con metodi casalinghi, cosa che faccio tutt’ora.

Io adoro cambiare, tagliare e tingere i capelli, perché penso che, almeno per ora, ricrescono normalmente, per cui trovo una spesa inutile un decapaggio completo, e soprattutto credo sia rischioso, per cui, anche se con calma, schiarisco i capelli con i modi più vari, con ingredienti che fondamentalmente ai capelli possono fare soltanto bene.
Ma ci vuole davvero tanta informazione e tanto tempo, così la scorsa settimana tentai una cosa mai provata prima, ma ne lessi su vari articoli di non ricordo quali blog, e con cui avrei dovuto ottenere risultati molto più visibili, e si, ci sono stati, ma a quale prezzo?


Ricetta per schiarire i capelli

Premetto che prima di ogni shampoo applico sui miei capelli degli oli per minimo mezz’ora, e li taglio di due centimetri regolarmente ogni 15-20 giorni, quindi non erano mai stati più sani, prima di questa ricetta:

  • una parte di bicarbonato e due parti di shampoo (la ricetta consigliava shampoo antiforfora)

In pratica sarebbe un cucchiaio di bicarbonato e due di shampoo, ed avendo i capelli molto lunghi feci la dose tripla.
Applicai i miei oli prima dello shampoo come di consueto, ma dato che 7-8 centimetri di ricrescita erano già chiari, usai quell’intruglio soltanto sulla lunghezza e shampoo normale sulla ricrescita, infine il solito balsamo.
Durante lo shampoo i capelli scaricarono davvero tantissimo colore e non sembravano particolarmente danneggiati.
Alla fine dello shampoo applicai i cristalli liquidi che uso di solito, ma stranamente non riuscivo a pettinarli, sembrava un unico, enorme nodo.

All’asciugatura tremavo! Non ho mai avuto problemi a tagliare i capelli cortissimi, ma una cosa è prendere una tale decisione, un’altra è pensare di doverlo fare da totalmente impreparata per un errore simile!

I miei capelli erano secchi, spenti, alcune ciocche quasi grigie, tutta la lunghezza era veramente paglia, ma fortunatamente non rovinati a tal punto da spezzarsi, erano ancora forti, infatti non si spezzavano nemmeno mentre tentavo di spazzolarli, ma è stata tuttavia un’esperienza orribile, immaginate se avessi usato lo shampoo antiforfora anziché il mio nutriente!

In passato tentai di eliminare lo shampoo lavando i capelli con bicarbonato ed aceto di mele, mi trovavo bene, ma impiegavo più tempo, per cui tornai allo shampoo, e non mi era mai successa una cosa simile, quindi non credevo sarebbe stato così devastante, forse la ricetta che usai richiedeva troppo bicarbonato, non ne ho idea.

Pensai anche di non aver risciacquato bene, per cui ripetei l’operazione più accuratamente, ma nulla. Forse è stato un caso, non so, ma sicuramente diffiderò dai prossimi articoli che non mostrano dei risultati in foto o video, è per questo motivo che per voi inserisco foto, per farvi capire che se parlo bene di qualcosa è perché l’ho provata in prima persona, ma voi poi dovete considerare che su ognuno, qualsiasi cosa, può avere una reazione diversa.


Rimedio per capelli rovinati, secchi e sfibrati

Cosa fare per rimediare? Il risultato che ottenni può riscontrarsi anche dopo uno shampoo sbagliato, o dopo una giornata in piscina (anche se non così grave), una tinta o un trattamento sbagliato, potreste rivolgervi al vostro parrucchiere di fiducia per un rimedio più veloce o più seguito, ma con un po’ di pazienza anche con semplici ingredienti si può risolvere un simile problema.

Per risolvere quasi totalmente il problema ho fatto tre trattamenti di oli di 12 ore, e mi manca poco per riavere i capelli sani.

Ecco la ricetta che ho usato (in base alla lunghezza dei miei capelli):

  • Mezzo bicchiere di olio d’oliva;

  • Un cucchiaio di olio di jojoba;

  • Due cucchiai di olio di ricino.

Potete sostituire l’olio di jojoba o di ricino con l’olio di cocco, oppure usare solo olio di cocco, ma io mi sono trovata bene così.
(Ovviamente, nel caso in cui i capelli tendessero a spezzarsi e si presentassero in condizioni peggiori, come bruciati, conviene sicuramente rivolgersi ad un esperto, questa ricetta tenta di riprendere i capelli sfibrati e danneggiati, ma non fa miracoli)

Bisogna stendere il tutto uniformemente sui capelli, io usai un pennello e lo stesi come per mettere la tinta; non bisogna completamente inzupparli, altrimenti potrebbe colare. Terminato questo bisogna alzare i capelli, preferibilmente senza usare pinzette o mollette varie dato che dopo 12 ore potrebbero causare dolore, ed avvolgerli con della pellicola trasparente da cucina, e per evitare di sporcare qualcosa (tipo il cuscino, dato che solitamente io lo faccio di sera) coprire con una cuffia da doccia ed un’asciugamano. Dopo 10-12 ore fare lo shampoo come al solito, ma senza sfregare i capelli tra loro.


Come proteggere i capelli secchi, sfibrati o danneggiati

 Quando i capelli si presentano sfibrati o danneggiati bisogna evitare che possano annodarsi, di fare shampoo frequenti, di farli entrare in contatto con l’acqua di mare o il cloro ed evitare trattamenti chimici come colorazioni, di qualsiasi genere, o decolorazioni. Anche di notte bisogna prestare attenzione affinché non si sfreghino tra loro, cosa che accade sul cuscino, per cui è opportuno tenere sempre i capelli legati con una treccia morbida (io li ho tenuti così per un paio di settimane, facendo un trattamento ed uno shampoo a settimana, prima di tornare a scioglierli ogni tanto, ma tutt’oggi, ad un mese di distanza, li tengo prevalentemente raccolti in una treccia).


A questo punto chiudo l’articolo con la speranza di riuscire ad aiutare in casi analoghi; Vi lascio delle foto dei miei capelli di prima e dopo il trattamento, anche se non sarà molto chiaro, una foto non può nemmeno rendere l’idea del guaio che avevo in testa (leggete le didascalie delle foto per paragonare le variazioni di colore e di qualità in base alla luce del flash e quella gialla, dello specchio).

Vi invito inoltre ad iscrivervi al blog o seguirci su InstagramInstagram per restare sempre aggiornati, e per qualsiasi info o richiesta scriveteci pure a non.soltantolibri@gmail.com o staypsitive@gmail.com.

Buon proseguimento e alla prossima!

-E

dav

Coda di cavallo e lunghezza raccolta in una treccia; luce gialla e flash; prima dello shampoo con bicarbonato, noterete la ricrescita castana imbarazzante xD

dav

Luce gialla e flash; prima dello shampoo con bicarbonato; sciolti dopo la treccia (non uso più la piastra, si vede che erano sani)

dav

Luce gialla e flash; DOPO lo shampoo con bicarbonato; completamente asciutti

dav

SOLO FLASH BIANCO; DOPO lo shampoo con bicarbonato; completamente asciutti e pettinati

dav

Luce gialla e flash; DOPO lo shampoo con il bicarbonato; pettinati dopo un’asciugatura parziale (si vede molto meno lo stacco tra il castano ed il nero, davvero molto schiariti)

dav

SOLO FLASH BIANCO; dopo lo shampoo con il bicarbonato; completamente asciutti e pettinati, da notare le ciocche quasi grigie

Potrebbe interessarti anche:

Capelli rovinati? | Rimedi naturali ultima modifica: 2017-06-04T14:56:44+00:00 da Staypsitive

Rispondi